Caritas italiana

41° Convegno nazionale delle Caritas diocesane

Si svolgerà a Scanzano Jonico, nella Diocesi di Matera-Irsina, dal 25 al 28 marzo 2019 il 41° Convegno nazionale delle Caritas diocesane dal titolo "Carità è cultura".  Il Convegno, collocato nell'anno che vede Matera capitale europea della cultura 2019, sarà un momento di confronto fondamentale per dare - o restituire - speranza alle nostre comunità riscoprendo la dimensione "educante", con un rinnovato investimento nella formazione e sulla cultura. Anche la nostra Caritas Diocesana parteciperà con una delegazione guidata dal direttore Don Giuseppe Venneri.
Leggi di più...

Ciclone Idai mette in ginocchio l’Africa australe. Caritas a sostegno dei primi interventi

Una vasta area tra Mozambico, Zimbabwe e Malawi è stata colpita dal ciclone Idai dopo settimane di piogge torrenziali e alluvioni. Nonostante le cifre ufficiali siano ancora in aggiornamento, la situazione sul posto è definita “terrificante”: oltre 200 vittime già registrate, ma le stime parlano di più di 1.000. Complessivamente sono più di un milione e mezzo le persone colpite, centinaia di migliaia gli sfollati, case e edifici pubblici distrutti, strade bloccate con diverse zone ancora inaccessibili. Ancora una volta i Paesi più poveri subiscono le conseguenze peggiori dell’aumento di intensità e frequenza delle catastrofi ambientali, provocate anche dai cambiamenti climatici. In Mozambico la zona maggiormente colpita è l’area centrale, in particolare la città costiera di Beira con il 90% degli edifici distrutti o danneggiati, ed i villaggi circostanti in tutta la provincia di Sofola. Danneggiato gravemente anche parte dell’ospedale e le più importanti strade di accesso alla città. Il porto è funzionate solo in parte, ma questo consente l’arrivo degli aiuti via mare. Colpite da alluvioni anche altre provincie centrali di Manica, Zambezia e Tete, nonché parte di quella settentrionale di Niassa. Molti dei villaggi più interni sono rimasti isolati e ancora inaccessibili ai soccorsi. In Zimbabwe ci sono almeno un centinaio di morti e oltre 200 dispersi. Anche qui i danni alle abitazioni e alle infrastrutture sono gravi. Le prime stime parlano di oltre 900 edifici distrutti. La regione di Chimanimani è tra le più colpite, molte zone sono inaccessibili anche agli elicotteri rendendo i soccorsi molto difficoltosi. Anche nel Malawi centrale e meridionale, il ciclone e le alluvioni hanno provocato danni ingenti con decine di morti, più di 500 feriti e oltre 140.000 sfollati in 13 distretti. Maggiormente colpiti le aree di Chikwawa, Zomba, Balaka, Machinga, Dedza and Ntcheu. Nonostante le difficoltà, le Caritas dei tre paesi si sono prontamente mobilitate attraverso gli organismi nazionali, diocesani e le parrocchie nell’assistenza agli sfollati e nella raccolta di informazione per la predisposizione di un primo piano organico di intervento d’urgenza. In particolare in Mozambico i volontari mobilitati dalla Caritas sono impegnati nella distribuzione di beni di prima necessità e nella prevenzione delle epidemie con campagne di informazione igienico sanitarie, lo scavo di canali per il deflusso delle acque e la creazione di punti di raccolta di rifiuti presso i centri di accoglienza che ospitano gli sfollati. In tutti i paesi i bisogni più urgenti per gli sfollati sono ripari d’urgenza, beni non alimentari di prima necessità (coperte, utensili per la cucina ecc.), cibo, acqua potabile, kit igienico sanitari. Caritas Italiana segue attentamente l’evolversi della situazione in coordinamento diretto con le Caritas dei paesi colpiti e con Caritas Internationalis per sostenere gli interventi in atto. È possibile sostenere gli interventi di Caritas Italiana (Via Aurelia 796 - 00165 Roma), utilizzando il conto corrente postale n. 347013, o donazione on-line, o bonifico bancario (causale “Alluvioni Africa australe”) tramite: • Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma –Iban: IT24 C050 1803 2000 0001 3331 111 • Banca Prossima, piazza della Libertà 13, Roma – Iban: IT 06 A 03359 01600 100000012474 • Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013 • UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119 da Caritas Italiana
Leggi di più...

Terra bruciata. Dossier Caritas contro il fenomeno del land grabbing

Nella "Giornata mondiale della Giustizia sociale" (20 febbraio), voluta dalle Nazioni Unite a partire dal 2009 per promuovere il tema della giustizia sociale a livello mondiale, Caritas Italiana pubblica il suo 44° Dossier con Dati e Testimonianze (DDT) dal titolo "Terra bruciata. Il land grabbing forma di colonialismo" (.pdf). L’alienazione di vaste porzioni di territorio nei Paesi più poveri non è purtroppo un fenomeno recente. Lo sfruttamento agricolo spesso basato su monocolture da esportazione ha caratterizzato una lunga, e per certi aspetti non ancora conclusa, stagione dello sviluppo. Ma questi fenomeni hanno trovato negli ultimi anni delle articolazioni nuove, con la pratica dell’accaparramento della terra (land grabbing). Si tratta di iniziative che vengono talvolta promosse come portatrici di sviluppo e di modernità, ma che in molti casi rappresentano un pericolo importante per le popolazioni che su quei territori vivono: in termini di erosione della possibilità di queste ultime di determinare modelli di produzione quando non anche la possibilità stessa di insediamento. Tali rischi sono particolarmente importanti soprattutto laddove i meccanismi istituzionali non permettono una efficace protezione dell’accesso alle risorse delle fasce più vulnerabili della popolazione. «Dio ha dato la terra a tutto il genere umano, perché essa sostenti tutti i suoi membri, senza escludere né privilegiare nessuno», ha ricordato Papa Francesco nella sua Enciclica "Laudato Si’" (n. 93), che ripetono quanto affermato nella "Centesimus Annus" da san Giovanni Paolo II nel 1991, a conferma del fatto che l’attenzione per la questione fondiaria è tutt’altro che una novità nella Dottrina sociale della Chiesa. Nel Dossier si approfondisce in particolare il fenomeno del land grabbing in America Latina (Argentina ed Ecuador) e si riporta l'esperienza della Rete ecclesiale panamazzonica (REPAM), l’iniziativa della Chiesa nata nel 2014 a Brasilia, nel processo di incarnare il Vangelo nella Pan-Amazzonia e rispondere alle principali sfide in America Latina: promozione dei diritti umani, alternative allo sviluppo, comunicazione, ricerca ecc. Il DDT si aggiunge ai 43 già pubblicati da Caritas Italiana a partire dal 2015, tutti disponibili on-line.   da caritasitaliana.it
Leggi di più...

Mons. Corrado Pizziolo nuovo Presidente di Caritas Italiana

S. Ecc. rev.ma mons. Corrado Pizziolo, Vescovo di Vittorio Veneto, ha accettato la Presidenza  "ad interim" della Commissione Episcopale per il servizio della carità e la salute, e conseguentemente della Consulta Ecclesiale degli organismi socio-assistenziali e di Caritas Italiana.

Caritas Italiana, attraverso il suo Direttore insieme a tutti gli operatori, dà il benvenuto a mons. Pizziolo nel suo nuovo incarico, con l'impegno a condividere con nuovo slancio un tratto di strada a servizio della comunità ecclesiale.

La prossima Assemblea della CEI che sarà chiamata a eleggere il nuovo presidente della Commissione episcopale – e quindi di Caritas Italiana -, si svolgerà il 20-23 maggio 2019.

da caritasitaliana.it

Leggi di più...

dai SOCIAL