Archivio news

Agosto 2022

Terminato il primo Campo Estivo nel centro Core a Cuore

Si è concluso il primo Campo Estivo organizzato nel Centro Socio Educativo Core a Cuore nella Frazione di Boncore in Nardò. Il Centro Core a Cuore è stato realizzato grazie ai fondi 8xMille alla Chiesa Cattolica nella progettazione 2021; grazie alla collaborazione con il Comune di Nardò è stato possibile recuperare la ex scuola elementare della frazione di Boncore chiusa dal 2014 ed avviare una serie di servizi per la popolazione residente nella frazione che dista circa 20 km dal centro abitato di Nardò. I servizi attivati sono rivolti principalmente ai bambini e ai ragazzi della frazione e del vicino Comune di Porto Cesareo, sono attivi servizi di doposcuola, orientamento, laboratori ludico ricreativi, sportello per supporto psicologico, centro ascolto caritas. Nel Centro è presente una sala multimediale, una biblioteca, un piccolo museo multimediale, due sale  per il doposcuola e i laboratori. Un ampio giardino consente attività all'aperto e una piccola area giochi attrezzata permette anche i più piccoli di passare del tempo nella struttura. Nel centro sono accolti circa 30 bambini e ragazzi fino a 15 anni ed è aperto dal lunedì al venerdì dalle 15:30 alle 19:00. Grazie al supporto dell'Ambito Territoriale di Zona 3 - Nardò, quest'anno è stato possibile organizzare il primo Campo Estivo per tutto il mese di luglio. Il Campo estivo è stato certamente un  servizio essenziale per le famiglie ma anche per i bambini e i ragazzi che hanno trascorso ore di spensieratezza in compagnia e con il supporto delle educatrici che hanno organizzato i laboratori e i momenti di svago. Dopo la pausa del mese di agosto si ripartirà a settembre con le nuove iscrizioni e i nuovi servizi in fase di attivazione  

42° Convegno Nazionale delle Caritas Diocesane

Si è concluso il 42° Convegno nazionale delle Caritas diocesane, dal titolo "Camminare insieme sulla via degli ultimi". «E strada facendo, predicate che il regno dei cieli è vicino» (Mt 10,7). Si è svolto a Rho (MI) presso il Centro Congressi "Stella Polare", Strada Statale Sempione 28, da lunedì 20 a giovedì 23 giugno 2022.
 
Lo scorso anno, in occasione dell'Udienza per il 50° di Caritas Italiana, papa Francesco ci ha consegnato tre vie, tre priorità attorno alle quali rileggere e orientare il nostro agire: la via degli ultimi, del Vangelo e della creatività. È stato poi avviato un percorso di rilettura dell'impegno Caritas per definire insieme gli elementi e gli indicatori che caratterizzano attività, servizi e opere capaci di incarnare le tre vie e condividere esperienze concrete in atto e in potenza.
 
Si tratta di un confronto sul lavoro e sulla presenza Caritas nei contesti ecclesiali in un quadro aperto, che deve ora tener conto anche della guerra in Ucraina, con un obiettivo preciso: attenzione agli ultimi, tenendo presente la via del Vangelo e tenendo aperta la via della creatività, puntando in particolare sui giovani. Quanto è emerso dal convegno sarà poi messo a disposizione del Cammino sinodale delle Chiese in Italia, per favorire in modo responsabile e propositivo una reale esperienza ecclesiale.
 
"Fare la nostra parte, vivere le tensioni, dare protagonismo ai poveri"
🔊 Ascolta l’intervento finale del direttore di Caritas Italiana don Marco Pagniello, che ci consegna le tre Vie per il cammino della Caritas al termine del 42esimo convegno nazionale.
 

Con Opera Seme Farm gli ortaggi freschi sulle tavole dei poveri

Grazie ai fondi 8xMille alla Chiesa Cattolica è partito il nostro Progetto Opera Seme Farm. Opera Seme Farm è una derivazione del nostro progetto di economia civile Opera Seme, finalizzato alla promozione del lavoro, dell'ambiente e del territorio secondo i principi dell'economia distributista cercando di applicare una carità creativa che promuova la persona umana integralmente e soprattutto, creando opportunità per prevenire le povertà. Grazie al progetto abbiamo avviato percorsi per promuovere il consumo critico attraverso la prassi del "voto con portafoglio", incentivando il consumo a filiera corta; con il coinvolgimento delle parrocchie e delle scuole abbiamo coinvolto i ragazzi in laboratori sulla consapevolezza alimentare. Da pochi mesi, grazie alla collaborazione con diverse aziende agricole del nostro territorio, abbiamo avviato la produzione di ortaggi per la fornitura diretta alle nostre mense caritas, garantendo prodotti di assoluta qualità ed azzerando l'approvvigionamento da "scarti alimentari" che sono il frutto di un'economia di mercato poco attenta all'ambiente. Abbiamo avviato la riqualificazione di alcuni terreni, offerti in comodato d'uso, con la piantumazione di alberi di ulivo e da frutto per la lotta ai cambiamenti climatici e per riavviare un'economia agricola fortemente penalizzata. Opera Seme Farm, però, non è solo questo ma punta a promuovere la costituzione dei G.A.S. (Gruppi di Acquisto Solidale) per sostenere i nostri produttori agricoli che hanno aderito alla filiera etica di Opera Seme, portare sulle tavole delle nostre famiglie prodotti sani e genuini e favorire un'esperienza economia che sia anche solidale. Grazie ai GAS, infatti, sarà possibile sostenere anche le mense grazie ad un programma di premialità che offrirà l'opportunità ai GAS di sostenere le nostre mense. Se vuoi costituire un GAS ed entrare a far parte della famiglia Opera Seme, scrivi a operaseme@caritasnardogallipoli.it o invia un messaggio a 392 6649584

Riapre la scuola a Pajule!

Ha riaperto le porte ai bambini e alle bambine di Pajule  la Saints Peter and Paul Nursary and Primary School realizzata grazie ai nostri progetti di cooperazione missionaria con l'Arcidiocesi di Gulu. Grazie alla generosità dei nostri sostenitori e al programma di sostegno a distanza, la scuola è frequentata da circa 200 bambini del villaggio che ricevono istruzione di qualità e possono godere anche di un luogo di aggregazione. Nella scuola si svolgono anche programmi di educazione igienico-sanitaria, progetti per l'emancipazione della donna e la promozione delle micro imprese femminili e le famiglie dei bambini possono partecipare a programmi di formazione. Grazie a questo importante progetto che nel tempo ci ha permesso di realizzare anche un dispensario farmaceutico e un allevamento di maiali, offriamo anche ai giovani della nostra Diocesi l'opportunità di vivere un'esperienza di servizio in Uganda. Se vuoi contribuire al sostegno dei nostri progetti fai una donazione anche attraverso PayPal direttamente dal nostro sito oppure con le altre modalità che desideri. Se vuoi avere maggiori informazioni sui nostri progetti scrivi a caritas@diocesinardogallipoli.it

Aprile 2022

Accolti i rifugiati provenienti dall’Ucraina

Sottoscritto il protocollo d’intesa tra la Prefettura di Lecce nella persona di Sua Eccellenza la Signora Prefetto Maria Rosa Trio e Caritas Diocesana nella persona del direttore Don Giuseppe Venneri, finalizzato all’accoglienza di persone provenienti dall’Ucraina in fuga dalla guerra.
Ringraziamo Sua Eccellenza il Prefetto di Lecce per la fiducia e il supporto offerti, da parte nostra ci sarà grande impegno, premura e accompagnamento per le persone che saremo chiamati ad accogliere.
Siamo già pronti ad ospitare un gruppo di mamme con i loro figli tra cui una bimbo di 3  anni.
“Sono grato alla comunità parrocchiale della Parrocchia Santa Maria delle Grazie con il parroco Don Massimo Cala, per la grande generosità e dedizione offerta. L’accoglienza di queste persone ci investe di una grande responsabilità perché non manchi loro tutto l’affetto necessario e il soggiorno sia quanto più sereno possibile”. (don Giuseppe Venneri, direttore Caritas Diocesana)
Natalia con la piccola Anna,
Tetiana e Oleksandr,
Oksana e Kostiantyn.
Sono i nomi delle mamme con i propri figli che faranno parte della nostra comunità per tutto il tempo necessario e fino a quando lo vorranno.
A loro va la nostra gratitudine per la fortezza, dignità e spirito di ricominciare che in solo poche ore hanno testimoniato.
Sono apostoli e testimoni degli oppressi rimasti in Ucraina, nella loro terra. I loro mariti e padri dei loro figli, i nonni, gli amici e un intero popolo che resiste, soffre e spera sotto la prepotenza e stoltezza delle bombe, simbolo della prepotenza e stoltezza dei “potenti” che già tante vittime hanno procurato.
🤲🏻 Puoi aiutarci a sostenere l’impegno dell’accoglienza con una piccola donazione sul conto corrente intestato a
Diocesi di Nardó-Gallipoli
IT08W0306909606100000131858
Causale: Emergenza Ucraina
Oppure dal nostro sito con PayPal
 

Marzo 2022

Bando SCU 2021 – Percorso Selezioni

       

Bando SCU 2021 – Percorso Selezioni

  Bando per la selezione di 56.025 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile Universale in Italia e all’estero  

 Calendario delle convocazioni per le selezioni

del progetto della Caritas Diocesana di Nardò - Gallipoli

Progetto “AVANTI IL PROSSIMO-CARITAS NARDO’”

  I candidati sotto elencati sono convocati per l’avvio delle procedure selettive che si svolgeranno il giorno  6 Aprile 2022 alle ore 16:00  presso Seminario vescovile – Via Umbria, 22 – Lecce (Le)   
COGNOME NOME DATA DI NASCITA
ASSISI ERIKA 12/08/1996
EPIFANI YLENIA SANTINA 01/11/1994
MY ANNARITA 11/02/1994
PELLEGRINO ALICE 19/06/2002
  La presente pubblicazione ha valore di notifica, pertanto il candidato che, pur avendo inoltrato la domanda, non si presenta nel giorno su indicato senza giustificato motivo è escluso dalla selezione per non aver completato la relativa procedura, così come stabilito dall’art.7 del bando ordinario del 13 dicembre 2021.   Per poter partecipare all’incontro è necessario presentarsi con: - documento di identità, in corso di validità; - Green Pass Rafforzato o esito di tampone negativo effettuato nelle ultime 48 ore. Entrambi i documenti verranno controllati al momento dell’arrivo presso la sede Caritas.   Elenco pubblicato il 26.03.2022

Arrivati in Italia i primi profughi con i voli umanitari di Caritas Italiana

Prosegue l’impegno della Chiesa italiana per l’accoglienza dei profughi in fuga dalla guerra in Ucraina, nelle nazioni limitrofe e nel nostro Paese (vedi Emergenza Ucraina).
Il 21 e 22 marzo sono atterrati a Fiumicino, da Varsavia, i voli umanitari organizzati da Caritas Italiana grazie alla collaborazione con la ONG "Solidaire" e il supporto di Open Arms. 
Grazie a questa collaborazione sono arrivati  da Varsavia circa 400 cittadini ucraini accolti nel nostro Paese in una ventina di Caritas diocesane.
Sono in programmazione altri voli umanitari perchè tante sono state le Diocesi che hanno dato piena disponibilità all'accoglienza.

Settimana della Carità

Si aprirà domenica 27 Marzo, nella Forania San Gregorio Armeno - Nardò,  la Settimana della Carità "La povertà, più vicina di quanto pensi" con una serie di eventi dedicati alla riflessione sui temi legati alle povertà, all'impegno della Diocesi con la Caritas Diocesana e le parrocchie, ai progetti realizzati. Ogni incontro si aprirà con un momento di preghiera e vedrà coinvolte tutte le comunità parrocchiali; la Settimana della Carità è un tempo dedicato alla riflessione ma anche alla verifica dell'impegno verso i poveri, non a prescindere dai poveri. E' importante verificare il cammino fatto per non adagiarsi e per non correre il rischio di abituarsi al proprio servizio e soprattutto ricordare che la carità e l'impegno e la premura verso i poveri è una vocazione che riguarda tutti i battezzati.      

Su Fatti Prossimi si parla di Opera Seme. Ascolta il podcast!

Succede spesso che proprio nei momenti difficili vengano le idee migliori. La perdita di milioni di alberi a causa della Xylella ha spinto a una riflessione che ha contribuito alla nascita del progetto “Opera Seme”. Un progetto che promuove e valorizza il lavoro, il territorio e la persona. Ascoltiamo: Sara Donadei, socio fondatore della Cooperativa Ipso Facto; don Giuseppe Venneri, direttore della Caritas diocesana di Nardò-Gallipoli.  Qui il podcast della puntata di Italia Caritas a cura di Danilo Angelelli https://www.italiacaritas.it/podcast/a-nardo-opera-seme-promuove-lavoro-territorio-persona/

Accoglienza profughi ucraini

Accoglienza profughi Ucraina

INFORMAZIONI GENERALI PER I CITTADINI UCRAINI

In via generale i cittadini ucraini che arrivano in Italia sono invitati a segnalare la propria presenza alle autorità (Prefettura, Commissariato di P.S., Carabinieri, Comune).

SITUAZIONE LEGALE

  • I cittadini ucraini possono soggiornare in Italia in esenzione visto per 90 giorni per motivi di turismo: i 90 giorni partono dal timbro sul passaporto effettuato alla frontiera italiana o, in alternativa, dalla dichiarazione di presenza che deve essere fatta in commissariato o presso i carabinieri o la polizia municipale. Pertanto i cittadini ucraini che non hanno alcun timbro sul passaporto o hanno un timbro di un altro stato europeo devono presentare la dichiarazione di presenza presso la locale Questura (per l’accesso alla Questura è necessario il green pass base);
  • Il 3 marzo 2022, i ministri dell’Interno dell’Unione Europea hanno raggiunto l’accordo per l’applicazione della direttiva sulla protezione temporanea per i profughi ucraini, che consentirà loro di avere un permesso di soggiorno temporaneo di un anno, rinnovabile. Siamo in attesa di indicazioni da parte del governo italiano sulle modalità di richiesta di tale permesso;
  • Dichiarazione di ospitalità: deve essere fatta dalle persone che ospitano cittadini ucraini sempre presso il commissariato, i carabinieri o la polizia municipale, allegando copia dei documenti di identità delle persone ospitate.

SITUAZIONE SANITARIA

le ASL del territorio sono state allertate per fornire tutto il supporto relativo alla profilassi anti covid (tamponi e vaccini), è utile quindi interpellare immediatamente le autorità sanitarie.

Stante il basso tasso di vaccinazione della popolazione ucraina suggeriamo sia opportuno che le persone quando vengono accolte facciano almeno un tampone antigenico fai da te (acquistabile in farmacia o nei grandi supermercati), soprattutto se accolte in abitazioni con persone anziane e fragili. 

MINORI

Specifichiamo che per legge i minori ucraini arrivati in Italia possono accedere liberamente al sistema scolastico facendo domanda di inserimento in qualsiasi scuola.

Se si rileva la presenza di minori senza un parente che ne eserciti la tutela, devono essere segnalati come minori stranieri non accompagnati alle autorità competenti: Tribunale per i Minorenni e Comune di arrivo.

Caritas Diocesana Nardò-Gallipoli non offre supporto per l'accoglienza di minori non accompagnati.

ACCOGLIENZA in Diocesi

Caritas Diocesana Nardò-Gallipoli ha dato disponibilità all'accoglienza di 16 persone in strutture direttamente collegate alla Diocesi di Nardò-Gallipoli senza nessun onere per il Ministero dell'Interno promuovendo un modello di accoglienza che preveda un'ospitalità in strutture collettive in cui le persone verranno accompagnate da un’equipe educativa per gli aspetti sanitari e burocratici.

I profughi eventualmente accolti saranno ospitati presso la foresteria del Monastero di Santa Chiara in Nardò (4), nel Convento dei Frati Minori nel Santuario della Madonna della Grazia in Galatone (6), nella Parrocchia di Santa Maria delle Grazie in Sannicola c/o struttura nella chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo (6). 

Pertanto non si potranno gestire offerte di ospitalità da parte di privati o associazioni.

INDICAZIONI PER CHIEDERE ACCOGLIENZA NEI TERRITORI

Se si viene a conoscenza di persone giunte o in arrivo sul territorio che necessitano di accoglienza o si vuole offrire ospitalità è necessario contattare il numero del vostro comune di residenza.

https://www.interno.gov.it/sites/default/files/2022-03/benvenuto_ucr.pdf